Seleziona una pagina

Il tempo come arma per creare contenuti efficaci

Non è vero che abbiamo poco tempo: la verità è che ne perdiamo molto“.

No, la frase appena letta non fa parte del ventaglio di aforismi di qualche SEO Specialist con la passione per la letteratura. A ricordarci l’importanza del tempo è un certo Lucio Anneo Seneca, autore e filosofo romano vissuto circa 2.000 anni prima dell’invenzione dei blog e della rete in generale.

Diciamo la verità, sono in pochi quei blogger che considerano davvero importante la dimensione temporale per la qualità di un post.

Tuttavia, per catturare l’attenzione di vecchi e nuovi potenziali lettori, abbiamo spesso bisogno di capire quali argomenti siano maggiormente trattati in un determinato intervallo di tempo, sia perché ci sentiamo quasi in dovere di dire la nostra, sia perché perché potremmo trarre importanti benefici in termini di visite.

Non ha senso parlare di mondiali di calcio nel mese di febbraio; così come non ha senso fare delle recensioni al veleno sui cantanti di Sanremo 2015 e pubblicarle ad agosto.

Estremizzata in questi termini la situazione appare abbastanza ovvia e semplice.

Ma sappiamo bene che il mondo, soprattutto quello del web, odia le estremizzazioni, vive di sfumature spesso invisibili agli occhi e si nutre di suggestioni che non possono essere scoperte con il solo intuito.

Come fare quindi a dominare la dimensione temporale?

Tranquilli, non serve acquistare DeLorean al plutonio o sfidare apertamente le insidie del burrone Clayton: la soluzione si chiama Google.

Una volta scelta la parola chiave possiamo impostare l’intervallo di tempo su cui concentrare la nostra attenzione andando sulla voce “Strumenti di ricerca” e selezionando la voce “Qualsiasi data“.

A questo punto non dovremo far altro che selezionare una delle opzioni fornite da Google o scegliere un intervallo di tempo ben definito da impostare su “Intervallo di date“.

E se volessimo fare di meglio? Se volessimo avere una chiara visione di quanto pubblicato nel mondo negli ultimi 45 minuti?

Sono sempre di più i giornali, grandi o piccoli, che hanno trovato la loro dimensione ideale nel web, e in molti si affidano proprio a Google per la creazione dei contenuti.

Per ottenere le informazioni richieste, sarà necessario effettuare la ricerca impostando la parola chiave, quindi aggiungere all’URL generato da Google il comando &tbs=qdr avendo cura di completarlo con l’intervallo di tempo desiderato.

Nel caso specifico dei 45 minuti sarebbe: &tbs=qdr : n45

Pensandoci bene, aveva proprio ragione Seneca.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail